Il blog di un bersagliere

21 ottobre 1915 “incomincia di nuovo il trasporto dei feriti “

All’alba incomincia di nuovo il trasporto dei feriti nel combattimento della notte mentre ancora il fuoco continua. I feriti ci informano che prendono parte all’azione il 153 e 154 e 79 e 160 e 159 Fanteria, 2 battaglioni del 6° Alpini, i battaglioni 2 bis, 4° – 17° e 41° bersaglieri e alcune batterie del 29° comp. e alcuni reparti del genio tagliafili, ma tutti si dimostrano sfiduciati e comprendono che il compito è difficile e perciò la posizione inespugnabile. Alle ore 9 anche i nostri aeroplani volano esplorando il nemico e così aiutano anche essi all’azione. Alle ore 9 ½ scrivo una lunga lettera a Mamma, a zia Assunta, al Sig. Nugari al Sig, Andrea a R. Medosi a Tuzi Concetto.

Tutta la giornata si ode un fuoco infernale e la furia della battaglia e anche la sfilata dei feriti nostri. Nella serata mi informano che il mio reggimento ha cambiato posizione perché il nuovo assalto al Trincerone avverrà ai lati. Nella notte rischiarata dalla luna si odono frequenti scariche di fucileria e mitragliatrici.

diari 21 ottobre 1915

Questa voce è stata scritta da fpetrassi e pubblicata il 21 ottobre 2015 su 05:00. È archiviata in Campagna Italo Austriaca, diari con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: