Il blog di un bersagliere

17 giugno 1917 “ripetuti all’arm”

Di buon ora vado a Caporetto per acquistare generi per i festeggiamenti di domani e faccio ritorno a Serpenizza alle ore 12. Alle ore 4 si odono le trombe dei reparti suonare con insistenza ripetuti all’arm, noi abbiamo l’ordine di tenerci pronti, ma ignoriamo la causa di tutto ciò. Presto viene sospeso ogni movimento e sappiamo che forti attacchi nemici si sono sviluppati nella Conca di Plezzo e dopo lotta furiosa sono stati dai nostri respinti, quindi non necessita di rinforzi. Si ode il cannone rombare con rabbia e i pezzi su Jana Planina fare un fuoco d’inferno. Alle ore 7 un nuovo all’arm e tutti pronti dal primo, si sono presto mossi e tutto il mio Reggimento e reparti di altri corpi si sono portati nei punti destinati ai rinforzi. I cannoni d’artiglieria e colonne di mulo portano munizioni e viveri seguendo i loro reparti e più tardi le retrovie di qui, rimangono morte, senza vita, poiché tutto è stato gettato in Conca per arginare il nemico se tentasse azioni serie. Tutta la notte passa muta, il suo silenzio è rotto dai soli trasporti di munizioni che affluiscono in Conca, gli uomini tacciono e compiono tutti il loro dovere con calma serena.

Annunci
Questa voce è stata scritta da fabpetra66 e pubblicata il 17 giugno 2017 su 10:00. È archiviata in Campagna Italo Austriaca, diari con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: